martedì 1 novembre 2011

17 Fabio Quagliarella: "Non conosco camorristi"



Gli hanno chiesto dei rapporti con Paolo Carolei, esponente di spicco della camorra stabiese, ma anche della decisione della società azzurra di venderlo alla Juventus a poche settimane dall'inizio del campionato scorso. Sono i due punti su cui hanno battuto i pm, nell'ascoltare come testimone il calciatore della Juventus Fabio Quagliarella. Due punti, due richieste di informazioni, nel corso di un'inchiesta per molti versi ancora coperta da segreto istruttorio, che punta a fare chiarezza su un presunto volume di scommesse clandestine nel corso degli ultimi due campionati di A.

Mancano dieci minuti alle nove, quando Fabio Quagliarella varca la soglia della Procura di Napoli (immortalato dalle telecamere di 'Sky sport'), presentandosi come potenziale testimone dinanzi agli inquirenti. Assente invece il mister del Genoa Alberto Malesani, ex coach del Bologna. Quagliarella, dunque. Si parte da una domanda: perchè è stato venduto alla Juventus? Perchè il Napoli si è affrettato a cedere l'attaccante strappato un anno prima all'Udinese? C'erano problemi ambientali che hanno spinto i vertici societari a rivedere le proprie strategie di mercato? Domande a cui Quagliarella ha risposto in modo deciso: non conosco esponenti della camorra stabiese, la cessione è avvenuta per questioni tecniche, per divergenze nate per motivi che nulla hanno a che vedere con questioni di natura 'ambientale'.

Inchiesta condotta dalla Dda di Napoli, fascicolo coordinato dal procuratore aggiunto Rosario Cantelmo, dai pm Pierpaolo Filippelli e Claudio Siragusa. La storia è nota: si parte dalle mosse di alcuni prestanome della camorra dei D'Alessandro e da un enorme giro di scommesse che sarebbe stato gestito proprio dalla camorra di Castellammare e dei Monti Lattari. Nessun accostamento tra Quagliarella e il tessuto criminale del napoletano - è bene chiarirlo - in uno scenario per molti versi ancora da mettere a fuoco. Ma non poteva mancare un'altra domanda all'ex bomber del Napoli e della Nazionale, a proposito della partita Napoli-Parma - sconfitta azzurra per 3 a 2 - nella primavera del 2010.

Una partita discussa, al centro di indagini differenti, alimentate da prospettive diverse: è la partita in cui viene immortalato il boss di Secondigliano Salvatore Lo Russo mentre osserva a bordo campo, con tanto di pettorina da giardiniere, il tracollo napoletano da parte degli emiliani; è la partita in cui si sarebbe registrato un flusso anomalo di scommesse tra il primo e il secondo tempo (il Napoli era in vantaggio per uno a zero); ma è anche il match in cui Quagliarella viene espulso al termine di un raptus di nervosismo per motivi agonistici. Su quella partita, Quagliarella ha detto poco, limitandosi a un accenno di carattere personale: sono stato espulso - ha fatto capire - ma la società non ha mai intentato un ricorso, come pure avrebbe dovuto.

Il resto è storia di interpretazioni. Perchè il presidente De Laurentiis, alla fine dell'agosto del 2010, affermò che avrebbe puntato a costruire una squadra di sudamericani e non più di napoletani? Perchè vendere un giocatore dai natali a Napoli? Indagine condotta dai carabinieri del capitano Alessandro Amadei, in forza al reparto investigativo di Torre Annunziata, si parte da Stabia connection per puntare in alto. Ci sono almeno una trentina di partite sotto i riflettori, si spazia dalla Lega pro alle serie maggiori. Non solo campionati nostrani, ci sono anche i tornei internazionali. Non è un caso che sono in corso richieste di rogatoria (per interrogare ad esempio Hector Cuper, allenatore in forza alla liga spagnola), ma anche contatti con alti dirigenti Uefa. Obiettivo dichiarato, mettere a fuoco il ruolo di colletti bianchi del crimine, gente in grado di riciclare, ripulire ma anche di scommettere. E di vincere, magari grazie ai contatti giusti.

Fonte: IlMattino


17 commenti:

Feeds Comments
Anonimo ha detto...

Buffoneeeee quando stavi a Napoli te la facevo con i camorristi sta latrin bastars il primo camorrista sei tuu!!!

Anonimo ha detto...

quagliarella pezzo di merda ooooh ooooooh ohooo

Anonimo ha detto...

Quagliarella quando vieni a Napol verrai accolto con gli skiaffi e gli insulti perke questo ti meriti traditore del cazzo adesso ti metti anke ad infangare Napoli e la Campania stornzo!!!!e so stat pur gentile

Anonimo ha detto...

Quagliarella e Altafini due cosglioni Traditori!!! Muori

Anonimo ha detto...

Quagliarella prendilo in culo

Anonimo ha detto...

quagliarella ti odio vafangul facc e cazz!!!

Anonimo ha detto...

quagliareee si nu scarpar mokkakitamuort

Anonimo ha detto...

Quagliarella sei la vergogna del sud mocc a mammt

Anonimo ha detto...

quagiarella si nu scarson non potrai mai segnare al mitico pirata morgan tu e tutt killi scarsun re juventin

Salvatore ha detto...

E vuie site a scumm da gente!
Io so tifoso del mio Napoli e a gente comm a vuie me fa schifo!
Ecco perche' ci odiano tutti. Pe gent comm a vuie!

Che Dio o qualcuno lassu' vi faccia capire un giorno che nel calcio interessa solo calcio, tutto il resto so cazz de loro!
Uardatev a partita, iate o' stadio e non mandate bestemmie del genere che vi si rivoltano contro!
A me 'e Quagliamerda (come vita privata) nun me ne fott proprio, ma come giocatore quello che gli dovevo dire gliel'ho detto in faccia e con educazione!
Cagnate! Si no simm semp sfuttut munnezz!

Forza Napoli!!!

Anonimo ha detto...

X TUTTI QUELLI CHE STANNO COLPEVOLIZZANDO QUAGLIARELLA...PRENDETEVELA CON IL SIGNOR AURELIO DE LAURENTIS,POI FORSE UN GIORNO ANCHE A VOI VI SARà DETTA LA VERITà SULLA CESSIONE DI QUAGLIARELLA .

Anonimo ha detto...

ehi tu delle 19:18, noi non stiamo criticando del quagliarella calciatore (tra l'altro molto discontinuo e non da champions legue) ma del quagliarella uomo...uomo dice di tifare napoli vieni al san paolo fai goal ed esulti...poi vieni e dici ke ami napoli e la sua maglia, e poi cosa fai? vai alla juventus? piezz e merd latrina...non non siamo sporchi rubentini...noi siamo il napoli

Anonimo ha detto...

la juventus è uno step in avanti rispetto al napoli PAROLE DI QUAGLIAMERDA! il napoli è in champions e la rubentus sta a guardare! quagliammerd si n'omm è mmerd adda fà a fin è saber tuornatenn in maroccooooo!!!

Anonimo ha detto...

quagliarèèèèèèèèèèèèè tu si na latrin tu e killi bastard re yuventin comm'a tè................quando giocavi a napoli ti baciavi la maglia mo baciati il cazzo di cavani perche sei le palle sue lota................

Anonimo ha detto...

Napoletani PUPPATE!!!!!!

NAPOLETANO D.O.C ha detto...

ma diciamo la verità. e vero che quagliarella è venuto a napoli ed a baciato la maglia giurando fedelta all'azzurro.
ma poi , quando ha visto la differenza d'ingaggio tra juve ed il napoli che sicuramente era a suo favore di qualche milioncino di euro , beh i suoi occhi hanno fatto il segno del dollaro , del resto anche criscito ha fatto la stessa cosa.
si sa che i calciatori sono mercenari ma fa male sapere che di mercenari ci sono anche calciatori napoletani FORZA NAPOLI..

Anonimo ha detto...

QUAGLIARE' OGGI TE NE SEI ANDATO A TESTA BASSA!TIE' E FORZA NAPOLI!

Versione mobile