lunedì 26 maggio 2014

0 DE LAURENTIIS HA FATTO RUMORE - Il Barcellona chiederà a Mascherano se ha...


Quella fascia di capitano rappresenta davvero la priorità? Sono state giornate importanti per il futuro di Javier Mascherano. Da un lato col nuovo allenatore del Barcellona, Luis Enrique, che ha “visto” l’argentino come futuro capitano al posto di Puyol. E successivamente quelle di Aurelio De Laurentiis, che ha ufficializzato l’interesse del Napoli per “Jefecito”, parlando anche apertamente sia di trattativa col club («Quando ci sederemo capiremo se potranno accettare la nostra offerta»), sia col giocatore («Vorrei che avesse l’azzurro nel sangue. Basta giocatori che cambiano squadra solo per i denari»). Insomma, il Napoli è ad oggi l’unica società pubblicamente interessata a Mascherano, che è anche il primo e più probabile sulla lista dei partenti del club blaugrana. Coincidenza? No, affatto. Perché mai dire che non c’è niente di concreto. Anzi, cosa dovrebbe esserci di più concreto che una chiara manifestazione di intenti. Del resto siamo appena a metà maggio, e il calciomercato (ufficialmente) neanche è iniziato. Va bene.
Le suggestioni diventano concrete quando ci sono dei fatti a trasformarle. Tra Mascherano, il Barcellona e il Napoli ci sono anche quelle. L’agente del centrocampista, Walter Tamer, è stato immediatamente contattato da un emissario del presidente del club catalano, Josep Maria Bartomeu. A Tamer è stato chiesto cosa c’è di vero di un presunto accordo col Napoli (proprio così) e di discutere di un eventuale rinnovo. L’appuntamento, però, si farà soltanto alla fine di questa settimana. Il ritardo è dovuto a problemi familiari di Tamer. Un incontro dopo le parole di De Laurentiis. Il Barcellona vuole capire con sicurezza se Mascherano davvero vuole andare via. Ecco perché con Tamer e la dirigenza catalana dovrebbe esserci anche Luis Enrique. Il tecnico dirà la sua: un problema è il ruolo. Mascherano non vuole più fare il difensore, e si sarebbe sentito offeso dalle parole di Martino (l’ex allenatore) che disse che ormai non avrebbe più potuto giocare bene in mediana. L’ex tecnico giustificò le sue parole dicendo che riportava il pensiero della società. Un equivoco non ancora chiarito. Ovviamente si parla anche di soldi. Mascherano può considerare il rinnovo solo a condizioni ancora migliori. Oggi guadagna circa 4,5 milioni l’anno e ha un contratto fino al 2016. Di certo c’è che il Barcellona non vuole svenderlo: valutazione del club catalano di almeno 20 milioni. E anche di questo sarà informato l’agente del giocatore. L’argentino parte solo con una super offerta, e forse è proprio questo il punto che ha fatto preoccupare De Laurentiis («Costa tanto, anzi troppo»). Situazioni da vagliare, ma intanto Luis Enrique avrà voce in capitolo. Si vocifera (fonti di stampa catalana) che le parole su Mascherano futuro capitano siano state utilizzate proprio per alzare il prezzo del centrocampista. Se Luis Enrique non punta su Jefecito, potrebbe fare l’inverso con Zuniga. Lo spagnolo conosce bene l’esterno colombiano, e Napoli e Barça avrebbero anche una bozza di accordo per un trasferimento a 15 milioni, risalente a gennaio. Se i catalani “rispolvereranno” Zuniga il discorso potrebbe complicarsi: il Napoli non preme per cederlo. Benitez lo considera un rinforzo già in casa. Ma soprattutto, se venisse messo “in mezzo” Zuniga tutto sarebbe spostato al dopo il Mondiale, e invece la volontà di Benitez è di chiudere prima per evitare aste.

Fonte: ilRoma


0 commenti:

Feeds Comments

Versione mobile