sabato 10 maggio 2014

0 Higuian promosso al suo primo anno in azzurro, spicca un dato in relazione a Cavani!


Mancano ancora due giornate di campionato ma si può tranquillamente tracciare un primo bilancio della stagione azzurra di Gonzalo Higuaìn. Non si sa se Benitez gli darà la possibilità di giocare ancora e di aumentare il suo bottino personale, sta di fatto che ad oggi il Pipita può considerarsi promosso a tutti gli effetti. È innegabile che l’argentino sia stato l’uomo in più del Napoli. Non ha segnato come Cavani ma è stato fondamentale alla stessa stregua. Con lui in campo il reparto offensivo è stato sempre determinante e per questo motivo Rafa ha voluto farlo giocare a tutti i costi nella finale di Coppa Italia. Non ha segnato contro la Fiorentina ma ha creato l’assist per il raddoppio di Insigne. Andando a spulciare i numeri della stagione e, considerato che alcune gare le ha dovute saltare per infortunio, i 24 gol complessivi siglati fino ad oggi non sono male. In verità ne sarebbero 25 ma quello in coppa Italia contro la Roma all’Olimpico non è stato assegnato a lui.
Higuaìn si è dimostrato un campione anche perché ha giocato sempre per la squadra e mai per segnare a tutti i costi. A differenza di Cavani, che voleva sempre il pallone dai compagni per calciare in porta, il Pipita non è mai stato egoista e ha permesso ai colleghi di reparto di andare in rete per 12 volte. Questo il numero, infatti, degli assist collezionati dall’attaccante sudamericano. Va detto, comunque, che ha avuto un problema fisico iniziale che gli ha fatto saltare qualche partita di troppo. Quando si è ripreso, però, ha cominciato a correre e ha avuto un rendimento non da poco nei 3486 totali giocati con la maglia azzurra. Arrivando dal Real Madrid ed essendo costato 40 milioni di euro, sarebbe dovuto essere una garanzia. Ma avrebbe anche potuto pagare il cambio di campionato e di ambiente. Non va dimenticato che giocava nella Liga e con il Real Madrid. Invece, il rendimento è stato ottimo e quindi merita un plauso per come si è comportato. Sicuramente nella prossima stagione, con un anno di esperienza sulle spalle, farà ancora meglio. Higuaìn è venuto al Napoli per vincere qualcosa di importante. La Coppa Italia è un titolo che lo gratifica ma sarebbe il massimo per lui poter essere l’artefice, così come lo fu Maradona, della conquista dello scudetto. Per farlo dovrà avere qualche altro big al suo fianco. Nulla contro chi ha giocato agli ordini di Benitez, ma per fare il salto di qualità servono dei Pipita anche negli altri ruoli. Benitez lo sa bene e per questo motivo in estate, assieme a Bigon e De Laurentiis, farà di tutto per rinforzare ancora di più la rosa. Rafa lo spagnolo resterà senza alcun problema ma vorrà dalla società delle certezze di mercato. Anche perché si lotterà nuovamente su più fronti e non si potranno più commettere degli errori di inesperienza permettendo alla Juve di scappare nuovamente. La speranza di tutti è che ad agosto si vincano i preliminari e si vada alla fase a gironi di Champions League. Nell’anno calcistico che si sta chiudendo si è fatta una bellissima figura nell’Europa che conta ma comunque si è usciti al primo turno. Nel calcio nulla si può inventare. Certo, esistono delle belle realtà come l’Atletico Madrid ma se non ci sono i campioni che fanno la differenza non si arriva lontano.

Fonte: ilRoma


0 commenti:

Feeds Comments

Versione mobile