giovedì 26 giugno 2014

1 Corbo: "Modello inglese possibile: 5 punti imprescindibili. Inutile sprecare 10mila poliziotti se..."


Pietà per Ciro vuol dire rispetto. Se la sua lunga agonia, è un valore. Se 54 giorni di sofferenze per nulla, vissuti nel respiro nelle macchine, tra terapia intensiva e sala operatoria, valgono un attimo di riflessione, un limite all’ipocrisia, alla retorica, alle complicità. Se non c’è più spazio per promesse spergiure. È questa la prima opportunità per lanciare un fiore a Ciro e l’ultima per salvare il calcio. La sconfitta della Nazionale crea il clima. Va ben oltre polemiche e lacrimucce, È crollato un sistema fatiscente: un mattone reggeva l’altro. Ha debiti e paura. Abete lascia macerie, è tutto da ricostruire. Ma come? La sicurezza e la regolarità contano più delle poltrone? Nei nuovi poteri sarà prevista la lotta alla violenza? Tocca a governo, magistratura, polizia, Figc e Lega, molto ai club. L’Inghilterra vi riuscì. Ma si impegnò a fondo Margaret Thatcher, dopo i disastri di Heysel e Hillsborough. Disposizioni dirompenti. Una banalità è l’oscuro male del calcio italiano.
Cambiare le leggi, vero? La solita bugia di chi non cambierà nulla. Le norme qui ci sono, vanno applicate. Da tutti. Presidenti compresi. L’Inghilterra investì 350 milioni di sterline per renderli più sicuri, infilando anche la sede del “Crime Intelligence Football”. Arresto e processo sotto le tribune. Il ministro dell’Interno Alfano annunciò un decreto urgente, prese 15 giorni. Renzi, presente in tribuna d’onore quella sera, di più: un mese. «Lasciamo passare le elezioni». Sono passati il 40,8 per cento di voti e 52 giorni. Dovrà il governo vigilare sul rinnovo delle cariche federali: i programmi contano più dei nomi, sarà così? Si dovrà quindi risanare l’antistorica giustizia sportiva collegandola con quella ordinaria. Le criticità sono note, bisogna solo intervenire. 1) Stadi. Alle spalle di “Genny ‘a Carogna” non si distinguevano le scale tra le file di posti. C’era più gente del consentito. Assegnare anche in curva i posti numerati, far entrare solo chi ha il biglietto, magari senza spranghe e bombe carta, è già qualcosa. Si può fare? 2) Le sanzioni. Punire le società per i cori razzisti, per petardi ed altro, è un invito a delinquere. Aumenta il potere di ricatto sui club, la loro soggezione alla dittatura delle curve. La sanzione può essere diversa: divieto di trasferte. Il sistema Thatcher, ricorderete. 3) Il Daspo. Non è vero che non funziona. È confuso. Quello “semplice” è emesso dal questore. Non conta, perché senza obblighi. Diverso il Daspo che richiede la firma negli uffici di polizia durante la partita. Ma va chiesto dal pm al gip, che sancisce le prescrizioni. A Napoli si contano un centinaio di casi, in altri città zero o quasi. Napoli è un’eccezione. La Procura è bene attrezzata. Il pm Antonello Ardituro, che passa dall’alta criminalità dei casalesi all’emergenza stadio, non esitò a rilevare «mancanza di prevenzione» all’Olimpico. 4) Steward. Il Viminale sparge ogni settimana per il calcio oltre 10 mila unità. Pagati dai contribuenti. Possono funzionare meglio gli steward se ben selezionati e pagati, e in impianti con posti assegnati. 5) Codice etico. Quanti altri pentiti devono rivelare che certi incidenti o rapine derivano da sgarbi di calciatori che rifiutano inviti e contatti? A Napoli si sa, altrove accade e non si sa. Nel codice etico, tra gli obblighi può esservi quello di informare la società. Da Maradona a Lavezzi a Gianello e ad altri hanno incrociato nelle notti di Napoli solo educande e donatori di sangue?

Fonte: Repubblica


1 commenti:

Feeds Comments
Anonimo ha detto...

Come ho detto in altri posts, qui ed altrove, bisogna affermare un principio che non c'è bisogno di legiferarlo, perchè esiste già, ma da come scrive persino Corbo, in questo articolo, si finge di trascurare.
La sicurezza degli Stadi deve essere compito e responsabilità delle Società di calcio. Fuori gli Stadi, è compito delle Istituzioni. I costi di una partita, per il cittadino/tifoso, non sono solo quelli del prezzo del biglietto, ma molto di più, perchè trasporti pubblici, ordine pubblico, disagi, usure di marciapiedi, strade, collegamenti, ricadono sulla collettività tutta, non solo sui Tifosi! Questo principio, non solo ha risolto il problema in Inghilterra, ma è stato un incentivo in più alla ristrutturazione delle Società di Calcio inglesi che oggi sono prese a modello organizzativo in tutto il mondo!
Basta Bilanci dove la principale voce di spesa (circa il 90%) è rappresentata dalle voci di acquisto di calciatori ed ingaggi degli stessi! E' la equilibrata ed ordinata struttura delle spese che fa incrementare i ricavi e non viceversa, non più!

Versione mobile