domenica 22 giugno 2014

0 La piaga dei cori razzisti colpisce anche il Mondiale: la Fifa apre un'indagine


I tifosi napoletani sono abituati a sentire parlare di cori razzisti (o di discriminazione territoriale) e di tifo poco corretto nei loro confronti. Anche al Mondiale lo scenario non sembra migliore.
Stavolta ad essere presi di mira non sono stati i napoletani, ma i tifosi del Camerun, vittime di cori di carattere razzista ed omofobo da parte dei supporters del Messico. E così, dopo le risse in tribuna stampa provocate dai tifosi del Cile, la Fifa ha aperto un'inchiesta in merito agli episodi di venerdì scorso, con i cori beceri che avrebbero colpito soprattutto Itandje, portiere del Camerun. Fonti Fifa hanno anticipato alla Bbc che si stanno anche esaminando presunte discriminazioni da parte dei tifosi di Brasile, Russia e Croazia. Si tratta in particolare di cori omofobi da parte dei sostenitori brasiliani e di striscioni antisemiti e razzisti mostrati dai supporter croati e russi. Vedremo se le sanzioni applicate dalla Fifa saranno più efficaci di quelle sancite dalla giustizia sportiva italiana.

Fonte: 100x100Napoli


0 commenti:

Feeds Comments

Versione mobile