mercoledì 11 giugno 2014

0 Segnò un gol memorabile all'esordio in B, ora attacca il Napoli: "Mi hanno fatto scomparire!"


Doveva essere uno spareggio drammatico, si è consegnato alla storia come il giorno della rinascita: una festa meravigliosa che ha restituito a 6 milioni di persone un pezzo di paradiso. Sette anni come oggi Genoa-Napoli, la partita che ha sancito il ritorno del Napoli in Serie A. Sono trascorsi 2555 giorni ma il calendario a volte è solo un dettaglio che nulla toglie al sapore di certe emozioni. Il pomeriggio di Marassi è la fine di un incubo, fuga dall’inferno, un film che i napoletani non scorderanno mai. Il Napoli europeo di oggi è “figlio” di quel Napoli. Napoli 2006-07 è l’impresa di una squadra e una tifoseria, un romanzo popolare scritto da piccoli grandi eroi con un esercito di eterni innamorati, capaci di rovesciare insieme il destino e riscrivere una favola.

La storia di quella stagione l'ha scritta anche Sam Dalla Bona, suo il gol partita a Verona e la firma su una vittoria determinante nella rincorsa alla promozione. “Genoa-Napoli – ricorda Dalla Bona - è stato e rimarrà un giorno fantastico.
Una festa pazzesca con i tifosi, una cosa mai vista prima. In quella stagione ho fatto diversi goal, come a Verona e col Treviso, e un paio di assist importanti che ancora oggi ricordo molto volentieri. Provo un po’ di nostalgia ripensando a quei momenti”. “E’ stato fantastico salire in A col Napoli. Pensavo di dare un contributo poi anche nella massima serie ma non me l’hanno fatto dare anche se ricordo che non ho giocato male quando sono sceso in campo. Comunque a Napoli ho finito segnando in un Lazio Napoli, tra i migliori in campo. Poi mi hanno fatto scomparire e questo mi fa ancora male. Ma del Napoli posso solo dire che è una grande piazza. Ricorderò per sempre la grande festa della promozione”.

Fonte: Gazzetta del Sud


0 commenti:

Feeds Comments

Versione mobile