martedì 10 giugno 2014

0 Un amico di Benitez si fece scappare una frase, l'infortunio di Zuniga ha fatto saltare tutto!


L’ipotesi Mascherano non è mai stata una favola, né tantomeno un’invenzione. A un certo punto si è perfino parlato di bonifici e cifre già pagate, ma non c’era bisogno di arrivare a tanto perché riscontri in questo senso non ci sono mai stati. Eppure Mascherano a Napoli doveva essere un colpo pensato, voluto e realizzato da Rafa Benitez. Un discorso nato un anno fa, quando l’argentino si sfogò col suo mentore spagnolo. Il fatto di giocare in difesa proprio non andava giù a Mascherano, e per di più si sentiva alla fine di un ciclo. Se fosse andato via, sarebbe andato da Benitez, a patto che il Napoli avesse per lui lo stesso riguardo del Barcellona. E a gennaio Zuniga portò un’offerta dei catalani. Si poteva utilizzarlo per non pagare il cartellino del centrocampista. Ma l’infortunio del colombiano ha mandato tutto all’aria. Tuttavia a un certo punto l’addio di Mascherano sembrava scontato. Qualcuno di molto vicino a Benitez si è fatto scappare a una cena questa frase: «Rafa dice che i tifosi del Napoli sono come quelli del Liverpool.
Chissà se conoscono il coro “Jefecito-Jefecito”». Questa la battuta che per qualcuno era un indizio. Benitez ha tenuto De Laurentiis sull’attenti. Il presidente non si è mai permesso di dire no al suo allenatore. Anche se a malavoglia, ha dimostrato a Rafa che era pronto a parlare col Barcellona per Mascherano, dichiarando pubblicamente l’interesse del Napoli. Poi l’arrivo di Luis Enrique, e le famose parole: «Lo voglio capitano». Il presidente Bartomeu, uno che parla poco e mai per caso, gli ha fatto eco. Benitez già sapeva che non se sarebbe fatto nulla. De Laurentiis ha insistito, avvisando il Barcellona che non avrebbe accettato giochetti per aprire aste. Ma quali aste. Luis Enrique faceva sul serio.

Fonte: ilRoma


0 commenti:

Feeds Comments

Versione mobile