domenica 13 luglio 2014

0 Tanti big assenti, in questi primi giorni: alcuni 'ex' a sorpresa si stanno...


La stagione del Napoli è ufficialmente iniziata giovedì mattina a Castelvolturno. Saluti, abbracci, quattro chiacchiere e poi via al lavoro sul campo per la truppa agli ordini di Rafa Benitez e del suo staff. All’appello mancano naturalmente tanti “big” come i calciatori che sono stati impegnati al Mondiale o che lo sono ancora, come gli argentini Higuain e Fernandez (domani in finale contro la Germania) e il brasiliano Henrique (impegnato stasera nella finale per il 3° posto contro l’Olanda). Una situazione che sta dando l’opportunità ad alcuni giovani della scorsa Primavera, oppure rientranti dai prestiti dell’annata passata, di mettersi in mostra. Ieri per gli azzurri primo allenamento col pallone, fatto di riscaldamento in tre gruppi sul campo grande e successivamente partitelle a tema ed a pressione senza porte. Il Napoli sta scaldando i motori in vista di una stagione che lo vedrà protagonista in tre competizioni: serie A, Coppa Italia e si spera in Champions League (lo si saprà soltanto dopo il preliminare), senza contare la finale di Supercoppa Italiana da giocare a dicembre contro la Juventus.
Naturalmente assenti i 14 nazionali reduci dal Mondiale, in questi primi giorni di ritiro sono stati aggregati alcuni giovani di valore. Reduci dalla scorsa annata nella Primavera azzurra, per quanto riguarda i classe 1996 ci sono il talentuoso e gigante portiere Contini, il terzino sinistro Anastasio (legato al Napoli da un contratto fino al 2017), il difensore Sebastiano Luperto (riscattato dal Lecce a metà mese scorso), il forte centrocampista Antonio Romano e la stellina Gennaro Tutino (nella foto), prodotti del vivaio azzurro sul quale il Napoli punta molto. Accanto a loro ecco alcuni classe 1994 che hanno passato l’annata scorsa in prestito per “farsi le ossa” come il difensore Daniele Celiento, reduce da un’ottima annata al Viareggio e ora richiesto da Lecce e Casertana, il talentuoso centrocampista mancino Giuseppe Fornito (che l’anno scorso ha esordito in serie B col Pescara) sulle cui tracce ci sono tanti club di B e Lega Pro, l’attaccante mancino Roberto Insigne reduce dall’esperienza al Perugia e a quanto pare vicino ad un ritorno in Umbria. Questi primi giorni di ritiro, dunque, serviranno molto a questi giovani per mettersi in luce agli occhi di Benitez, e non è detto che qualcuno di essi non parta giovedì prossimo con la prima squadra per il ritiro a Dimaro (a meno che la società non si accordi con qualche club per il loro prestito). Il Napoli, infatti, vorrebbe evitare di portare in Trentino calciatori sotto contratto avanti con l’età, preferendo piazzare al più presto esuberi di questo tipo per dare l’opportunità ai giovani talenti azzurri di iniziare la stagione consci di essere investimenti importanti del calcio Napoli. Al fianco di Hamsik, Maggio, Britos, Callejon e Mesto, dunque, questi ed altri ragazzi stanno cercando di far capire alla società azzurra di essere possibili pedine del Napoli del futuro.

Fonte: ilRoma


0 commenti:

Feeds Comments

Versione mobile