venerdì 1 agosto 2014

0 Benitez gli ha telefonato, ma Fellaini non rinuncerà all'ingaggio: trattativa in salita!


Non sarà facile portare Marouane Fellaini a Napoli. Ma il discorso c’è, e forse anche una trattativa. Il direttore sportivo Riccardo Bigon ha provato a tenere ristretto e circoscritto a pochi eletti l’idea di portare il riccioluto centrocampista in Italia. Un incontro con gli agenti (ma quello col giocatore è ancora oggetto di discussione) per sondare il terreno. Rafa Benitez, invece, con lui ha parlato telefonicamente. Al belga è stato presentato il progetto Napoli e le possibilità concrete di partecipare ai gironi di Champions League. Fellaini è reduce da una stagione disastrosa, e cerca riscatto dopo essere arrivato a Manchester come un giocatore importante. Non a caso lo United lo ha pagato 32 milioni di euro. Il giocatore sarebbe interessato all’idea Napoli, ma il problema è proprio la squadra di Manchester. Il club azzurro vuole lavorare sul prestito. La prospettiva non interessa al Manchester United perché pur avendo fatto svalutare il giocatore, la quotazione rimane alta. Almeno 25 milioni di euro, forse un po’ meno.
Van Gaal, appena arrivato, ha messo le cose in chiaro: «Caro Fellaini, trovati una squadra perché con me non giochi». Ecco perché il ragazzo si sta guardando intorno. Ma l’idea è cederlo in via definitiva perché non si pensa che Fellaini possa rientrare nei piani futuri. Il Napoli, però, ha fatto una proposta diversa: il prestito del giocatore (oneroso) con un contributo sull’ingaggio (Fellaini guadagna 4 milioni di euro) ma la promessa di riportare in un anno la quotazione del giocatore ai 32 milioni di euro di un anno fa. Il Napoli continua a smentire furiosamente qualsiasi discorso. Il problema è che questo contatto con Fellaini si è avuto senza che il Manchester United ne fosse informato, ma non c’è stato nessun problema tra le due società. Anzi, proprio il giocatore ha fissato un incontro con Van Gaal per discutere il suo addio. L’incontro ci sarà non prima domenica, quando il Manchester United tornerà dalla tournèe dagli Stati Uniti. Il Napoli, quindi, è costretto ad aspettare. A dire la verità non filtra molto ottimismo, perché gli ostacoli sono tanti. Al di là del discorso prestito, Fellaini non è noto per essere uno che rinuncia facilmente ai soldi: quando era allo Standard Liegi minacciò di adire alle vie legali perché pretese un aumento di stipendio. Difficile che accetti di ridursi l'ingaggio. Ecco perché il Napoli tiene sempre vive le altre piste. Sembra sia spuntata fuori la cifra per la quale Sandro potrebbe partire. 13 milioni di euro potrebbero bastare al Tottenham, ma il problema è la concorrenza dello Zenit, che sta seguendo il giocatore. Resta viva anche la pista Kramer, che però costa molto. Sempre possibile arrivare a Lucas Leiva del Liverpool, che però non sembra essere la primissima scelta. Tante piste aperte, tra queste anche quella del jolly offensivo M’Poku, che il club azzurro ha opzionato tempo fa. Però sul belga c’è il rischio Champions: in caso di partecipazione ai preliminari sarebbe un problema.

Fonte: ilRoma


0 commenti:

Feeds Comments

Versione mobile