venerdì 8 agosto 2014

0 (FOTO) Nasce il bunker Napoli: per lo scudetto serve più solidità, tre accorgimenti di Benitez...


In generale, Rafa Benitez ha dovuto fare i conti con la maggiore potenzialità delle prime due classificate in serie A ma, rileggendo i numeri finali della stagione passata, ha potuto constatare i grandi limiti della difesa, di un reparto che soltanto in campionato ha incassato 39 reti, 16 in più dei bianconeri.. Cifre alla mano, dunque, l’allenatore spagnolo s’è presentato a De Laurentiis, a fine campionato, e gli ha prospettato la necessità di ingaggiare per migliorare i risultati sia in Italia che in Europa un difensore importante, che potesse contribuire a dare maggiore solidità a quel settore. L’intesa tra i due è stata immediata, e l’acquisto del giovane Koulibaly è servito a migliorare la fase difensiva. Nelle quattro amichevoli disputate fin qui, il Napoli ha incassato soltanto una rete (contro i greci del Kalloni) e Benitez ha avuto la possibilità di provare insieme Albiol e Koulibaly, traendone indicazioni senz’altro positive.
A Dimaro, Benitez ha insistito molto sulla fase di non possesso palla per accelerare l’intesa tra i compagni di reparto. Si è lavorato anche per dare un maggiore equilibrio alla difesa, impiegando Marek Hamisk qualche metro più indietro insieme con Inler. Inoltre, il tecnico ha voluto sperimentare Britos sulla fascia sinistra, lì dove agiva nel Bologna. Ed i risultati non l’hanno deluso, almeno finora. In area, la fisicità di Albiol e Koulibaly dovrebbe limitare le giocate di testa, mentre il ritorno di Zuniga e Ghoulam sugli esterni servirà a arginare la spinta avversaria.

Fonte: Gazzetta dello Sport


0 commenti:

Feeds Comments

Versione mobile