martedì 5 agosto 2014

0 Hamsik: "Champions arriviamo! Sul modulo vi dico che..."


Marek Hamsik si confessa al Corriere dello Sport-Stadio. Lo slovacco del Napoli parla a 360° del club azzurro e soprattutto si concentra sulla Champions League, palcoscenico che il centrocampista vuole rivivere il prima possibile. L'intervista integrale la puoi leggere in edicola o cliccando

Hamsik, sta invecchiando...
«Ma si sbaglia...M’avete visto arrivare ragazzino, però resto un giovanotto dentro. Ho l’energia del primo giorno, ho l’entusiasmo del duemilasette, quando approdai a Castelvolturno».

E ha otto anni di Napoli alle spalle.
«Che rappresentano un patrimonio personale. Io qui sono cresciuto sino a diventare uomo. Posso ritenermi orgoglioso di quello che ho fatto e ottimista su quello che faremo assieme in una città che mi è diventata immediatamente cara».

E adesso s’è pure sposato.
«Ho messo la cresta a posto.... ».

Scherziamoci su, è ispirato...
«Si scherza fino al diciannove agosto, perché poi bisognerà far sul serio: quelle due partite possono indirizzare una stagione, perché è chiaro che la Champions introduce in una dimensione diversa il club, la città e anche noi calciatori. Sarebbe semplicemente fantastico riuscire a cogliere per la terza volta la qualificazione, significherebbe concedere ulteriore prestigio al lavoro di questa società nell’era De Laurentiis. A me quell’atmosfera è sempre piaciuta un sacco e rientrare tra le star di una manifestazione che seduce è un obiettivo a cui non si vuole rinunciare».

Arrivò ch’era praticamente un bambino - diciamo così - e ora è capitano.
«Avverto il peso della responsabilità della fascia e mi piace portarla a spasso. Sento di dover essere diverso, di poter rappresentare non solo me stesso: pure questo rappresenta l’evoluzione d’un cammino. Però ho fatto le prove generali già più volte e dunque sono allenato anche a questo».

Quando arrivò, all’epoca, cosa pensò?
«A far bene. Senza guardare tanto oltre il mio naso. Io sono abituato a vivere alla giornata, a non fossilizzarmi su argomenti che possono svanire improvvisamente per un nulla: il calcio è impietoso, ti sottrae in certi casi la possibilità di sognare, perché basta poco a modificare il destino. A settembre del 2013, quando cominciai così bene il campionato, non sospettavo che poi mi sarei imbattuto nel primo vero infortunio della mia carriera».

Che le tolse il sorriso.
«Ma soprattutto due mesi effettivi di calcio e certe sensazioni che ho ritrovato con il tempo. Quando rientri, dopo un periodo così lungo, ti porti dentro sempre - magari in maniera inconscia - un retaggio dell’incidente: non è paura e neppure condizionamento psicologico, forse vien soltanto meno quella confidenza a palleggiare e a correre che poi ha bisogno di riprodursi. O forse, più semplicemente, la naturalezza in movimenti. Però è andata».

Il tormentone del passato: il modulo non fa per lui.
«Un falso problema. Mai esistito. Non ho mai avvertito disagi del genere, anche se non nascondo che ci sono stati momenti in cui non sentivo di essere me stesso. Ma, ripensadoci, riattraversando quel periodo immediatamente successivo allo stop di due mesi, le sensazioni venivano dalle prestazioni: e allora, nel calderone delle cause, ci infili tutto. Ma io in questo Napoli ci sto bene».

Fonte: Corriere dello Sport


0 commenti:

Feeds Comments

Versione mobile