domenica 3 agosto 2014

0 Insigne-Napoli pronto rinnovo alla Totti per proteggerlo dai club esteri!


Lorenzo Insigne come Totti. Non è un’invenzione giornalistica, ma una definizione dello stesso presidente azzurro Aurelio De Laurentiis. Un rinnovo dietro l’altro per l’attaccante azzurro, a ritmo della sua carriera che dopo Pescara si è impennata verso l’alto. Prima un contratto da 700mila euro, poi un innalzamento a 1,5, appena lo scorso anno. Ora l’accordo è fino al 2017, ma presto potrebbe arrivare anche il prolungamento fino al 2018 con un altro ritocco all’ingaggio. La richiesta sarebbe arrivata dall’entourage del giocatore dopo le offerte che sono arrivate quest’estate. In particolare c’è stato un contatto con l’Arsenal, pronto a offrire 20 milioni al Napoli e un ingaggio da oltre due milioni e mezzo al giocatore. Anche lo scorso anno ci fu una situazione del genere, con una interessante offerta del Sunderland che fu declinata. Si parla anche della Fiorentina, e anche di club tedeschi. Il Borussia Dortmund di Klopp lo segue con attenzione da quel mese di settembre, quando il “Magnifico” offrì una prestazione straordinaria, segnando ai gialli un gran gol su punizione.
Ma non solo: Klopp ha visionato oltre 20 partite del Pescara per osservare Immobile, e naturalmente ha apprezzato anche Insigne. Tante lusinghe, e il Napoli deve blindare il suo giovane campione. De Laurentiis avrebbe accettato di sedersi e discutere. Certo, una richiesta di aumento non gli farà piacere, ma il patron azzurro sa che il valore del giocatore aumenta anno dopo anno. Se varrà la pena, il club aumenterà l'ingaggio del giocatore. Oltre le dichiarazioni radiofoniche, non risultano risentimenti o nervosismo da parte del presidente. Anche le sue battute nell’intervento radiofonico di ieri la fanno pensare diversamente, ma è anche vero che non devono per forza essere riferite ad Insigne. In molti però hanno voluto vedere nelle frasi del presidente delle frecciate proprio a lui: «Non tratteniamo mai nessuno, se sei felice di essere a Napoli e di vestire i colori del mare e del cielo, noi siamo con te. Se, per stupidità dei tuoi agenti, o per una questione di voler sfruculiare il pasticciotto, allora ti dico “ragazzino, impara a stare a posto”, con quelle che sono le regole di un contratto preciso», ha detto ieri De Laurentiis.

Fonte: ilRoma


0 commenti:

Feeds Comments

Versione mobile