martedì 9 settembre 2014

2 Alvino: "Non mi aspettavo certe frasi di Pandev"


I conti si fanno alla fine ed è anche superfluo sottolinearlo, ma i primi segnali a quali riflessioni spingono?

''Il Napoli mi sembra che può dire la sua in Italia e giocarsela fino all'ultimo per un posto al vertice. L'Europa League non è la Champions e il dispendio di energie non è lo stesso. Gli azzurri dovranno puntare allo scudetto visto che è il traguardo principale senza, però, trascurare eccessivamente l'Europa League. Gli impegni europei vanno comunque onorati al meglio''.

Pandev non è stato tenero con Benitez. Si aspettava le dichiarazioni del macedone?

''Non mi aspettavo affatto certe frasi da parte di Goran Pandev. Sono quelle dichiarazioni che non accetto a prescindere. Un giocatore con carattere farebbe bene a dire certe cose in faccia al proprio allenatore e non quando cambia maglia. Il macedone a Napoli spesso andava in letargo ed è per questo probabilmente che non è riuscito ad esprimersi al meglio in campo e a fare certe dichiarazioni''.

Quanto la deficitaria campagna acquisti potrebbe incrinare i rapporti tra De Laurentiis e Benitez?

''Non nascondo che i giocatori in cima alla lista dei desideri di Benitez non sono arrivati, ma quelli acquistati sono comunque stati presi in accordo con il tecnico spagnolo. Tra persone intelligenti le piccole incomprensioni vengono presto superate e sarà così anche in questo caso. Sono convinto che De Laurentiis e Benitez andranno avanti in piena sintonia senza problemi.

Per il Napoli solo 6.500 abbonamenti, segno che i tifosi azzurri credono poco nella formazione partenopea?

''Un segnale dell'attuale disaffezione verso la squadra. In questo momento è lampante che prevale un certo pessimismo, ma i risultati arriveranno e i tifosi torneranno a riempire il San Paolo. Napoli è una piazza pronta a entusiasmarsi alla prima occasione e sarà così anche questa volta. Con il passare delle partite l'amore tra tifosi e squadra tornerà alla grande''.

Trasferta di Genova: più luci o più ombre?

''Più luci senza dubbio. In primis perché si è vinto con un gol allo scadere realizzato da uno dei nuovi arrivati e poi perché a Genova sarà difficile fare risultato per tutte le formazioni. Un campo difficile dove gli azzurri sono riusciti a fare bottino pieno. Mi hanno convinto i primi 10 minuti e gli ultimi 15 dove gli azzurri hanno dimostrato di saper giocare con il piglio delle grandi. Le ombre sono rappresentate dalla difesa apparsa ancora una volta in evidente difficoltà. Benitez dovrà lavorare tanto su questo aspetto e migliorare al più presto certi meccanismi''.

Conte ha portato entusiasmo in casa azzurra: debutto bello e vincente. Affidare la guida della Nazionale all'ex tecnico juventino è stato giusto?

'La scelta più ovvia per il calcio italiano. Conte negli ultimi tre anni ha fatto benissimo e ha vinto tanto ed è stato giusto affidargli la guida della Nazionale. Ho qualche dubbio per il fatto che allenare un squadra di club non è la stessa cosa che allenare l'Italia ma, ripeto, è stata la scelta migliore. La Federazione è andata sul sicuro scegliendo l'ex tecnico bianconero'.

Fonte: NapoliSoccer.net


2 commenti:

Feeds Comments
Anonimo ha detto...

Io invece non mi aspettavo dopo l' estate di ritrovarti ancora nelle patetiche vesti di giornalista o presunto tale, pulcinella imbecille...

Anonimo ha detto...

Anche tu Alvino vuoi portare la "serenata scudetto" noi siamo un pò stronzi per l'attaccamento a questa squadra ma che poi ci volete trattare da imbecilli è un pò troppo!

Versione mobile