martedì 23 settembre 2014

3 Benitez male come Donadoni 5 anni fa


La presunzione è qualcosa d'insopportabile. Soprattutto quando mette in discussione un progetto e si oppone alla passione popolare. Stavolta Rafa Benitez l'ha fatta grossa, con un turnover privo di una ragione tattica. S'è preso gioco di un intero ambiente, presentando al Friuli un Napoli inguardabile: centrocampo con due incontristi, Gargano e David Lopez, e Inler (febbricitante) escluso nonostante l'infortunio diu Jorginho; fuori l'intero terzetto offensivo (Callejon-Hamsik-Mertens) per far posto a Zuniga a destra (da due anni agisce da esterno sinistro difensivo), Michu centrale e Insigne a sinistra; ignorato ancora una volta Mertens, il più in forma.

SOTTO PROCESSO — Ha il mondo contro, Benitez, in queste ore.

Il malcontento è generale, come l'insoddisfazione di De Laurentiis che non l'ha presa bene. Due sconfitte in tre gare è il peggior inizio di campionato delle ultime 5 stagioni: con Donadoni in panchina, nel 2009-2010, il Napoli sommò 3 punti in altrettante partite. E non è escluso che a breve, il presidente convochi il tecnico per avere spiegazioni sulla sconfitta. A questo punto è facile pensare che la posizione di Benitez non sia più solida (in tribuna c'era Reja ma non ci sono segnali particolari): non può bastargli una vittoria in Europa League e contro un avversario per niente irresistibile come lo Sparta Praga, per sentirsi intoccabile.

Fonte: Gazzetta dello Sport


3 commenti:

Feeds Comments
Anonimo ha detto...

PURTROPPO BISOGNA VEDERE LA REALTA' NON SIAMO UNA GRANDE SQUADRA A BENITEZ DO UNA SOLA COLPA DI AVER ACCETTATO DI ANDARE AVANTI PUR NON AVENDOGLI MESSO A DISPOSIZIONE I CALCIATORI CHE LUI AVEVA CHIESTO STOP.

Anonimo ha detto...

La realtà è che non abbiamo un Presidente degno di questo nome. A dire il vero non lo abbiamo mai avuto. Ma oggi, ancor più di ieri, così come gli investimenti possono generare ricavi ancor più esponenziali rispetto a prima, così possono insignificanti investimenti generare riduzioni di ricavi maggiori.
Se la strategia di quest'uomo è solo quella di incafardarsi denaro in tasca a più non posso, c'è poco da sperare, neanche 10 Benitez sarebbero in grado di dare la svolta!
Il problema è proprio questo. Avendo come unico scopo solo quello di far soldi:
A - tende, fino al parossismo a ridurre al minimo i costi, tralasciando il fatto che un costo esiste perchè genera ricavi maggiori (esempio, l'organizzazione nella SSC Napoli dello sviluppo e la canalizzazione dei Brand degli sponsor è affidata al suo Genio ed al figlio, basta, non esistono strutture, uffici, contatti, rapporti ... non è un caso che il M.U. abbia chiuso un contratto con l'Adidas di 93,0 mln. di euro all'anno per 10 anni, nonostante negli ultimi 5 anni non abbia vinto nulla in campo europeo);
B - adeguarsi su di un livello di ricavi che essendo strettamente legato agli andamenti della squadra (la mancata partecipazione in CL ha influito sul 40% del fatturato, neanche l'Udinese subisce tali andamenti).

Quindi sono Strategie di Gestione che hanno un senso nelle piccole società e che non hanno futuro, perchè non sempre ti capitano le mazzarie dovute una volta alla crisi delle grandi, un'altra all'abilità di un singolo, etc. !

Quando i Tifosi si renderanno conto che i tempi non sono più quelli di una volta e che quello che conta sono i fatti e non l'allenatore come imposta il modulo o la squadra, o larbitro che fischia o no un fallo a questo o a quello, allora ci si potrà aspettare qualcosa di buono in futuro!

JUVE PADRONA 32 SUL CAMPO ha detto...

-8 AVETE PERSO CON CHIEVO UDINESE IL PALERMO HA DOMINATO RICORDO CHE 2 GOL VOSTRI ERANO IRREGOLARI E C'ERANO 3 RIGORI PER IL PALERMO NAPOLETANO PERDENTE LA STORIA NON MENTE GURDA LA SUPER POTENZA JUVE A MAGGIO 2015 FESTEGGIARE IL 33 SCUDETTO MENTE TU VAI IN SERIE B LA TUA DIMENSIONE

Versione mobile