lunedì 22 settembre 2014

7 Benitez: "Partita sotto controllo, potevamo vincerla!"


"Era una partita sotto controllo che potevamo vincere". Rafa Benitez arriva dritto al punto cruciale del match del Friuli. Napoli che ha comandato il gioco ma che ha finito per perdere nell'unico tiro in porta dell'Udinese. Il tecnico azzurro è amareggiato ma razionale nella sua analisi.

"Questa gara poteva e doveva essere vinta ma non siamo stati fortunati e concreti sotto porta. Rafael non ha fatto interventi e questo fa capire che partota è stata. Si vede che la squadra c'è, abbiamo creato occasioni sia oggi che col Chievo. Abbiamo colpito un palo ed era una partita comandata al cento per cento. Non ho visto azioni pericolose dell'Udinese, forse a noi è mancata grinta sotto porta, ma la squadra, ripeto, ha mostrato di essere viva e poteva vincere".

Il tecnico spiega il turnover: "Partiamo col dire che Inler aveva la febbre, quindi a centrocampo ho dovuto cambiare. Poi giocare ogni tre giorni porta fisiologicamente stanchezza ed ho inserito uomini freschi. Ma ripeto che la squadra ha avuto il controllo della situazione fino al gol dell'Udinese. Abbiamo avuto maggiore spinta e qualità per vincerla questa gara".



"Sul gol loro siamo stati troppo morbidi in area e questo è certamente un nostro errore, ma nel complesso abbiamo perso una partita che non dovevamo perdere. La squadra è forte, la rosa ha equilibrio ed è un Napoli che doveva e poteva battere sia Chievo e Udinese per ciò che si è visto in campo".

"Dobbiamo proseguire a lavorare con convinzione. Di certo in fase difensiva dobbiamo essere più intensi ed evitare distrazioni, ma nel complesso meritavamo di più in queste due partite come qualità ed espressione di gioco. Adesso possiamo subito reagire mercoledì con il Palermo e risollevarci".

Fonte: SSCNapoli.it


7 commenti:

Feeds Comments
Anonimo ha detto...

Ma tu si sul nu purptton

Anonimo ha detto...

Senza parole....

Anonimo ha detto...

ma statt s....z

Anonimo ha detto...

Ieri hai dato i numeri,solo un pazzo poteva schierare una formazione del genere,speriamo che te ne vai al piu presto..io prenderei il pampa sosa come sostituto.

Solo azzurro ha detto...

Ci mancavano i soliti coglionazzi di turno pronti a puntare il dito quando le cose vanno male. Professori spiegatemi un pô voi visto che siete così esperti chi schieravate in campo voi quando in 11 giorni si devono affrontare 4 partite. Quando poi tutto sommato per battere l'Udinese basterebbe mezzo Napoli in buone condizioni e non i giocatori che abbiamo ammirato in queste ultime gare quando poi purtroppo questi sono i giocatori che abbiamo che vi piaccia oppure no la colpa è del presidente che come ogni anno spara cazzate e poi fa figure di merda con tutti ma sicuramente Benitez non centra un cazzo anzi l'unica cosa che voglio incolpare l'allenatore è che non riesce a rigenerare questo gruppo come l'anno scorso oppure è proprio lui a non voler ridare fiducia alla squadra questo poi lo sa solo lui

Anonimo ha detto...

Piena fiducia in Benitez...ma un piccolo errore lo commette anche lui,ricordati che oggi il calcio è di una preparazione perfetta, un calciatore può affrontare più di tre partite a settimana....ribadisco che forse non abbiamo calciatori di questo calibro.

Anonimo ha detto...

La realtà è che non abbiamo un Presidente degno di questo nome. A dire il vero non lo abbiamo mai avuto. Ma oggi, ancor più di ieri, così come gli investimenti possono generare ricavi ancor più esponenziali rispetto a prima, così possono insignificanti investimenti generare riduzioni di ricavi maggiori.
Se la strategia di quest'uomo è solo quella di incafardarsi denaro in tasca a più non posso, c'è poco da sperare, neanche 10 Benitez sarebbero in grado di dare la svolta!
Il problema è proprio questo. Avendo come unico scopo solo quello di far soldi:
A - tende, fino al parossismo a ridurre al minimo i costi, tralasciando il fatto che un costo esiste perchè genera ricavi maggiori (esempio, l'organizzazione nella SSC Napoli dello sviluppo e la canalizzazione dei Brand degli sponsor è affidata al suo Genio ed al figlio, basta, non esistono strutture, uffici, contatti, rapporti ... non è un caso che il M.U. abbia chiuso un contratto con l'Adidas di 93,0 mln. di euro all'anno per 10 anni, nonostante negli ultimi 5 anni non abbia vinto nulla in campo europeo);
B - adeguarsi su di un livello di ricavi che essendo strettamente legato agli andamenti della squadra (la mancata partecipazione in CL ha influito sul 40% del fatturato, neanche l'Udinese subisce tali andamenti).

Quindi sono Strategie di Gestione che hanno un senso nelle piccole società e che non hanno futuro, perchè non sempre ti capitano le mazzarie dovute una volta alla crisi delle grandi, un'altra all'abilità di un singolo, etc. !

Quando i Tifosi si renderanno conto che i tempi non sono più quelli di una volta e che quello che conta sono i fatti e non l'allenatore come imposta il modulo o la squadra, o larbitro che fischia o no un fallo a questo o a quello, allora ci si potrà aspettare qualcosa di buono in futuro!

Versione mobile