venerdì 12 settembre 2014

2 Delusione in casa Napoli: De Laurentiis chiamato a dare una scossa


C’è poca voglia di sorridere in casa Napoli. Nemmeno la presentazione di David Lopez è servita a distrarre l’ambiente dagli ultimi avvenimenti. Prevale la delusione, in questo periodo. Tra la gente, certo, che non ha ancora metabolizzato l’eliminazione dalla Champions League. E anche nel gruppo, in quei giocatori più rappresentativi che sono stati trattati da club importanti e che sono rimasti con la prospettiva di poter giocare contro le grandi d’Europa. Tutto questo non è stato, Bilbao ha rappresentato il primo flop stagionale e ha messo a dura prova la passione dei tifosi. La rocambolesca vittoria di Marassi con il Genoa, nella prima di campionato, non è servita a ridare entusiasmo all’ambiente. La mancanza di una campagna acquisti soddisfacente non è stata digerita dalla gente, che si sarebbe aspettata giocatori di tutt’altro livello, rispetto a quelli ingaggiati, per elevarsi al grado di Juventus e Roma, in campionato, e per poter ben figurare in Champions.

Macché! Fuori dall’Europa che conta, il Napoli s’è ridimensionato agli occhi dei suoi sostenitori. Un malcontento che la città non ha saputo contenere, tant’è che negli ultimi due mesi, spesso sono comparsi striscioni polemici nei confronti di Aurelio De Laurentiis. Domani, a Castelvolturno, dovrebbearrivare anche il presidente Aurelio De Laurentiis per incontrare l’allenatore spagnolo e, nuovamente, la squadra dopo la visita di martedì pomeriggio.

Fonte: Gazzetta dello Sport


2 commenti:

Feeds Comments
Anonimo ha detto...

CARI MIE LA DELUSIONE E LE POLEMICHE LE AVETE CREATE VOI E NON I TIFOSI AVETE PROMESSO MARI E MONTI ADESSO CERCATE DI ESSERE PIU' COERENTI CON I TIFOSI CAUSA DEL SUO MAL PIANGA SE STESSO .

Anonimo ha detto...

Ma quà scossa ro cazz, 'stu strunz, è già scappato a Los Angeles come un coniglio, lasciando solo Benitez. Poi alla fine della stagione, il pappone di merda indicherà il povero Rafa come unico responsabile della disfatta. Pezzo di merda...

Versione mobile