lunedì 22 settembre 2014

1 Roma, Garcia: ”Per lo Scudetto non dimentichiamo il Napoli”


"Non dimentichiamo il Napoli, che lotta per il vertice da due anni, e la Fiorentina". Rudi Garcia non crede che si assisterà ad una corsa a due, tra giallorossi e la Juventus, per lo scudetto. "Il vantaggio di questo campionato - spiega il tecnico giallorosso alla vigilia della sfida interna con il Cagliari - è che l'Italia ha tante squadre forti e può essere bello per un appassionato assistere ad una stagione con più squadre che lottano in alto: le due di Milano, la Juve, che è sempre favorita, e le altre. Noi dobbiamo solo guardare le nostre partite e lottare sino alla fine in questa maratona - conclude Garcia - Faremo di tutto domani sera per essere a nove punti".

Il tecnico francese fissa poi le priorità per la stagione: "Il campionato resta la priorità, l'obiettivo è tornare in Champions e per farlo dobbiamo finire tra le prime due. Il fatto di aver vinto in un bel modo nel ritorno tra i grandi, al debutto in Champions League, non vuol dire che non siamo più l'outsider del girone. Bayern Monaco e Manchester City restano i favoriti". Garcia ha però già dimenticato la cinquina rifilata al Cska: "Mercoledì sera abbiamo chiuso il libro della Champions League e aperto di nuovo quello del campionato. Riuscire a fare questo 'switch' deve essere una delle qualità di questo gruppo, e lo deve dimostrare domani". La partita con i russi ha lasciato uno strascico in infermeria: "Non faccio nessun calcolo per quanto riguarda il turn-over, so bene che anche il destino ci pensa da solo" aggiunge quindi l'allenatore francese in riferimento agli infortuni di Astori e Iturbe. "Io penso solo a chi è in forma in base agli avversari, cerco di vincere sempre la partita che arriva senza alcun calcolo, e così faremo anche domani - conclude - L'infermeria ha troppi giocatori e quindi ho meno scelte, ma abbiamo una rosa ampia anche per sopperire a questo".

La partita segnerà anche il ritorno di Zeman all'Olimpico. Il boemo a Roma ha lasciato non solo bei ricordi ma qualche giocatore 'assetato' di rivincite, come De Rossi e Pjanic. "Sono concentrato sul presente e sul mio passato a Roma, non su altre cose - taglia corto l'allenatore dei capitolini - Non conosco la vicenda nel dettaglio, siamo pero' concentrati sulla Roma attuale, sapendo che domani non sarà facile vincere. Bisogna conoscere forza e debolezze dell'avversario, a prescindere dall'allenatore, ma il nostro obiettivo è vincere per dimostrare di poter mettere ancora in campo gli stessi ingredienti di mercoledi' con il Cska".

Fonte: Repubblica


1 commenti:

Feeds Comments
Anonimo ha detto...

chist è proprj scem

Versione mobile