mercoledì 3 settembre 2014

0 Tre flashback hanno testimoniato l'unità del gruppo: gli azzurri lanciano l'hastag 'tuttiinsieme'


Il gol di De Guzman a Genova ha avuto una conseguenza ben più importante dei tre punti. Ha sancito un’unità di intenti mostrata dalla squadra nei minuti finali, con la ricerca ossessiva della vittoria, ma soprattutto emersa in tre flashback. Prima della partita nel circolo formato a metà campo da Higuain e compagni, volto a caricarsi a vicenda dopo alcune chiacchierate già avute negli spogliatoi, come ammesso dallo stesso argentino e da Insigne nelle interviste. Ma è stato in quell’abbraccio liberatorio, dopo la rete dell’olandese, con la panchina interamente in campo, che gli azzurri hanno dimostrato di avere un’unità di intenti, o almeno di perseguirla con forza. Infine, terzo fotogramma, una sorta di “cinque” che Benitez si è scambiato con Pecchia. Ecco perché la vittoria può diventare una piccola svolta della stagione. Il Napoli, ferito a morte dall'eliminazione dalla Champions, si è ricompattato, provando a fare quadrato.
E il «Tutti insieme» è stata la parola d’ordine, prima di diventare un hashtag, quantomai emblematico, nei messaggi postati su Twitter da Michu («+3 #tuttinsieme») Mertens (»Molto felice per questi 3 punti importanti, tuttiinsieme! ») e Inler («Il campionato è appena iniziato, una sfida da affrontare tutti insieme»). Concetto chiaro, diktat dettato a bassa voce da Rafa Benitez.

Fonte: ilMattino


0 commenti:

Feeds Comments

Versione mobile