lunedì 13 ottobre 2014

1 Benitez-Napoli, i motivi per cui ci sarà l’addio a giugno



La conclusione del rapporto con Walter Mazzarri suggerisce una riflessione su quello tra Rafa Benitez e il Napoli. La durata del contratto è troppo breve per pensare ad un progetto ad ampio respiro. Per non parlare della richiesta del tecnico spagnolo di creare infrastrutture sul modello inglese. Ma niente vivaio e soprattutto niente stadio, Aurelio De Laurentiis pensa unicamente alla prima squadra. Appena il Napoli avrà recuperato tranquillità e posizioni in classifica se ne parlerà, se c’è stima professionale e umana si può immaginare un prolungamento oltre gli otto mesi previsti altrimenti si andrà verso la chiusura del rapporto.

Fonte: Il Mattino


1 commenti:

Feeds Comments
Anonimo ha detto...

Il pappone caciaron-losangelino di merda ha ormai compreso di aver toccato il massimo possibile (economicamente parlando, ovviamente) col Napoli, visto che è alquanto improbabile che possono ricapitargli due botte di culo impensabili come Lavezzi e Cavani (che gli ha permesso, soprattutto grazie a Benitez, di prendere campioni come Higuain, Mertens, e Callejòn), e che il rapporto con la tifoseria è seriamente compromesso, con tutte le stronzate che ha dichiarato nel corso di questi ultimi anni (come gli scudetti, le strutture e lo stadio). Tutto ciò vuol dire che finiranno nelle sue tasche pochi soldi, per cui farà sicuramente in modo di liberarsi del Napoli ad un prezzo stellare, dato che più passa il tempo e meno varrà.

Versione mobile